mercoledì 26 settembre 2018

Comunicazione di servizio

Buongiorno ragazzi,
vi rubo qualche minuto solo per comunicarvi che sto effettuando una piccola modifica.

Ho realizzato un nuovo sito: nuovo logo, nuova grafica e nuova piattaforma perché non mi trovo più bene qui su blogspot.

Non cambierà assolutamente nulla né a livello di contenuti né di nome ma in questi giorni sto lavorando sul trasferimento dei contenuti quindi vedrete sparire degli articoli da qui.

Vi lascio il nuovo logo (scelto tramite sondaggio su IG tra 3 varianti), fatemi sapere se vi piace.


Vi chiedo di seguirmi, se vi va, in questa nuova avventura.

Il nuovo sito sarà visibile qui:


giovedì 6 settembre 2018

WRAP UP - Le mie letture di agosto 2018

Anche questo mese è giunto il momento di tirare le somme. Come sono andate le vostre letture? Avete letto abbastanza? Vi sono capitati per le mani libri emozionanti o delusioni? 
Il mio mese non è andato male ma nessun libro si è conquistato le 5 stelline. Vediamo insieme i titoli che mi hanno tenuto compagnia ad agosto!


Sei libri conclusi questo mese (anche se uno era veramente piccolino) quindi non mi lamento sulla quantità di tempo che sono riuscita a ritagliarmi per leggere. Poteva sicuramente andare meglio, mi ero illusa a luglio (mese in cui ho assegnato 5 stelline a ben due libri). Ma non mi lamento dai.

Ecco cosa ho letto:


La vita nonostante tutto - Tim Federle
Genere: Young adult (LGBT)
Editore: Il Castoro
Pagine: 275
Recensione: QUI
Link Amazon: QUI

Voto: ★★/5




Meglio sole che nuvole - Jane Alison
Genere: Narrativa contemporanea
Editore: NN Editore
Pagine: 268
Recensione: QUI
Link Amazon: QUI

Voto: ★★★★/5

sabato 1 settembre 2018

Book Haul 8/2018: il mio bottino libroso di agosto

Buongiorno ragazzi,
come d'abitudine ci ritroviamo il primo del mese con l'appuntamento mensile per tirare le somme del mese appena trascorso e guardare insieme le nuove entrate nella mia/vostra libreria.
Voi cosa avete acquistato? Quali sono i vostri nuovi titoli?






LE MIE PROSSIME LETTURE





Gli animali di una fattoria, stanchi dei continui soprusi degli esseri umani, decidono di ribellarsi e, dopo avere cacciato il proprietario, tentano di creare un nuovo ordine fondato su un concetto utopistico di uguaglianza. Ben presto, tuttavia, emerge tra loro una nuova classe di burocrati, i maiali, che con l'astuzia, la cupidigia e l'egoismo che li contraddistinguono si impongono in modo prepotente e tirannico sugli altri animali più docili e semplici d'animo. L'acuta satira orwelliana verso il totalitarismo è unita in questo apologo a una felicità inventiva e a un'energia stilistica che pongono "La fattoria degli animali" tra le opere più celebri della narrativa del Novecento.