martedì 26 giugno 2018

Luglio in libreria: libri in uscita che mi piacerebbe leggere

Buon pomeriggio ragazzi,
approfitto dell'ennesimo temporale estivo per dedicarmi un pò alle novità letterarie. Questo periodo è un pò più tranquillo e "lento" anche nel mondo dell'editoria e le uscite sono più diradate.
Ciò nonostante io riuscita a scovare dei titoli che stuzzicano la mia curiosità. Ve li faccio vedere, ditemi cosa ne pensate.

Libri in uscita a luglio

Data pubblicazione: 3 luglio 2018

Gloria, Dot, Liddy e Marjorie sono amiche inseparabili fin dai tempi del liceo. Come tutte le donne degli anni Sessanta hanno desideri che non possono confessare, professioni a cui non possono ambire e compiti che devono adempiere. Ma c’è una cosa che nessuno può negare loro: gli incontri del Club dei Libri Proibiti. Ogni venerdì di plenilunio si ritrovano, infatti, per appuntamenti segreti in cui condividono letture «scandalose» e le fantasie più intime, liberandosi finalmente da ogni tabù e ogni ipocrisia.
Cinquant’anni dopo, la loro piccola biblioteca proibita, per una serie di coincidenze, sarà ereditata da May-June, detta M.J., Addie, Britt e Jules, quattro sconosciute che, senza preavviso, diventeranno parte del Club. Quattro donne con vite, desideri e prospettive molto diverse. Ma tutte scopriranno di avere in comune la stessa inconfessata solitudine, la stessa insoddisfazione, la stessa necessità di trovare se stesse. E tra scetticismo, tradimenti e riconciliazioni, saranno proprio gli incontri del Club dei Libri Proibiti a insegnare anche a loro il valore dell’amicizia sincera e della libertà vera: quella di essere se stesse fino in fondo.


Data pubblicazione: 3 luglio 2018

 “Queste parole sono una sberla da parte dell’Universo perché tu apra finalmente gli occhi sul tuo vero potenziale, ti decida a smetterla di martellarti le palle e ti butti anima e corpo nella tua vita.”Ti sei mai sentito come un criceto sulla ruota, che passa la vita a correre e sbattersi freneticamente senza andare da nessuna parte? Assorbito ogni giorno da un incessante chiacchiericcio mentale che va avanti in loop, da una vocina giudicante che ti ripete che non ce la farai nemmeno stavolta, che i cattivi sono troppo più forti, che il mondo congiura contro di te? Ebbene, è giunto il momento di capovolgere i termini della questione: non è il mondo, sei tu a congiurare, ad autosabotarti e a fare in modo che le peggiori profezie diventino realtà. Occorre modificare in primo luogo il nostro storytelling, perché il linguaggio che scegliamo per descrivere le cose che ci capitano determina il modo in cui le percepiamo e le gestiamo.In questo libro rivoluzionario, dapprima autopubblicato con oltre 150.000 copie vendute in download solo negli Stati Uniti e poi caso mondiale venduto in 15 Paesi, John Bishop ci insegna come smettere definitivamente di essere i primi nemici di noi stessi, dire basta ai buoni propositi sempre rinviati a domani e affermare una volta per tutte il potere sulla nostra vita, qui e ora.


Data pubblicazione: 3 luglio 2018
E siamo soltanto ragazzi che hanno bisogno d’amoree cercano in una frase tutto quello che vorrebbero dire.«Va tutto bene, grazie.» È così che impari a rispondere, quando qualcuno ti domanda: «Come stai?». Perché sai che, in fondo, la verità non importa a nessuno. Sai che lei ti manca da morire, ma non ci sono parole tanto potenti da farla tornare indietro. Sai che l’amore, quando lo perdi, fa male davvero, eppure sei tu l’unica persona che può capire quel dolore. L’amore è fatto così: non si spiega, non ti parla. Ti fa vivere tutto con un’intensità che non pensavi possibile, ti fa esistere tantissimo e poi, all’improvviso, ti fa credere di non esistere più. A cosa serve il tempo, se non lo riempi con una persona da amare? A cosa servono le emozioni, se non hai accanto qualcuno che possa comprenderle? Eppure c’è una cosa che puoi fare, quando tutto ti sembra nero: scrivere. Scrivere significa aprire il cuore e condividere i tuoi pensieri, le tue paure, le tue emozioni. Quando scrivi non ci sono regole o limiti, e neppure risposte di circostanza. Ci sei solo tu, la tua parte più vera, la tua parte migliore. Quella che non si vergogna di dire come sta. Questo libro racconta la storia di un cuore giovane, ferito e ostinato, che non ha paura di soffrire e ha scelto di andare avanti, nonostante tutto.



Data pubblicazione: 10 luglio 2018



Maëlle ha 35 anni. Direttrice finanziaria di una start-up in piena espansione, vive per la carriera. Nel ritmo frenetico delle sue giornate, non c’è spazio per i sogni, e agli affetti dedica solo i ritagli di tempo. Un giorno, la sua migliore amica, Romane, le confessa di essere gravemente malata e la implora di andare in Nepal alla ricerca di un antico rimedio curativo in cui ripone tutte le speranze di guarigione. 
Maëlle, combattuta tra gli obblighi lavorativi che la vorrebbero sempre connessa e il desiderio di salvare l’amica, decide infine di partire, convinta di sbrigarsela in poco tempo. Non sa che ad attenderla c’è un lungo cammino, fatto di esperienze e incontri che sconvolgeranno le sue certezze; un’ascesa sulle vette dell’Himalaya che diventerà un viaggio dentro di sé, alla scoperta dei silenzi che permettono di ascoltare il battito interiore e i desideri più profondi, lontano dal frastuono delle paure che ingannano la mente. Sarà un’iniziazione alla felicità e al senso più vero della vita. La cura per l’anima di cui era in cerca, senza saperlo.


Data pubblicazione: 17 luglio 2018


Quello che capita a Diane non è fuori del comune: una sera come tante, suo marito torna a casa e, con una raffica di frasi fatte, mette al tappeto la loro storia d’amore, venticinque anni di matrimonio, con relativo anniversario alle porte. E poi se ne va, pronto a iniziare una nuova vita con «un’altra persona» di cui non è dato conoscere l’identità – ma è facile intuirne l’età – mentre lei resta pietrificata sul divano, dopo aver scoperto di essere una donna «piatta.»Ciò che è speciale è la verve e lo humour con cui Diane ci racconta come è sopravvissuta a quello tsunami che le ha portato via in pochi minuti ogni certezza. Tra piccole e grandi vendette e mobili distrutti a colpi di mazza, incursioni fatali su Facebook e sfrenate sessioni di shopping, anche una donna «piatta» come lei dimostrerà di saper rimettersi in piedi e reinventarsi, complici l’autoironia, l’amore dei figli e l’amica del cuore.
Diane è tutte noi, che quando tocchiamo il fondo riscopriamo la nostra forza. E tutte noi vorremmo Diane come amica: quella con cui confidarci e cantare a squarciagola il venerdì sera, mentre lei balla con quello stile buffo, senza ritmo, tutto suo.



Che ne dite?

2 commenti:

  1. Mi ispirano tutti e nessuno, questa volta. E forse è meglio. Il primo più degli altri, però. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letture più leggere, per l'estate non sono male ;)

      Elimina